Fate parte anche voi della schiera di knittatrici folli che ha passato le ultime settimane indefessamente con i ferri per ultimare addobbi e regali natalizi?

Se  la vostra risposta è affermativa è molto probabile che le vostre mani in questi giorni siano abbastanza rigide o indolenzite, ma niente paura, gli esperti di stretching si sono occupati anche del benessere di chi ama lavorare a maglia intensamente ed eccovi i consigli principali per il vostro stretching post knitting quotidiano (esercizi messi a punto dalla dottoressa americana Dr. Jeanette Y. Lomori, chiropratica e knitter):

1. PARTIAMO DALLE MANI, in particolare dalla vostra destra (se siete mancine partite con la sinistra): piegate ciascun dito indietro per almeno 20 secondi  tenendo il polso ben fermo per evitare  di ruotarlo; quindi piegate indietro tutte insieme le vostre dita per almeno 20 secondi. Ripetete l’esercizio con le dita dell’altra mano.

 

 

 

 

 

 

2. PROSEGUIAMO CON IL POLSO piegando l’intera mano indietro per 20 secondi partendo sempre dalla vostra mano dominante; respirate profondamente mentre eseguite l’esercizio e ripetete con l’altra mano.

Spacer 5x5 pixels


4375.hand-2.jpg-550x0

 

 

 

 

 

 

3. IL COLLO – Per non affaticare troppo il collo mentre si lavora a maglia si dovrebbe guardare il lavoro abbassando gli occhi e non la testa, ma se ciò non vi riesce facile potete rimediare all’affaticamento con questo esercizio: piegate il mento verso il vostro petto e mantenente la posizione per 20 secondi.

 

6567.exersizes.jpg-550x0

 

 

 

 

 

 

Proseguite piegando la testa di lato, come se con l’orecchio voleste toccare la spalla, e mantenete la  posizione 20 secondi; ripetete l’esercizio dall’altro lato.

1374.ear.jpg-550x0

 

 

 

 

 

 

 

 

Come potete constatare gli esercizi sono facilissimi e portano via solo pochi minuti ma ripetuti con costanza ogni volta che si lavora ci aiutano a mantenerci in forma e continuare a lavorare a maglia senza problemi per lungo tempo ancora :-)

 

FONTE: Interweave Knits, ed. Spring 2012