collana_tricottinoArriva l'estate e si comincia a vestirsi più leggere, il décolleté è sempre più in evidenza e ci piace mostrarlo al meglio in ogni occasione, anche con una bella collana, magari una collana tricottin. Personalmente quando fa caldo cerco gioielli leggeri, che non mi diano fastidio, e quelli realizzati con il filato sono l'ideale;  se la pensate come me, eccovi le istruzioni per realizzare velocemente il tubolare da usare poi per creare  collane e braccialetti a piacere. Questo tipo di tubolare ha vari nomi, ma quello più usato attualmente è tricottin e si può realizzare a maglia o con l'uncinetto. In commercio ci sono anche vari modelli di un aggeggio che serve per farlo velocemente muovendo una manovella;  si chiamano tricottino o mulinello o caterinetta …  Ma non tutti lo abbiamo sempre a disposizione o sotto mano e allora ben vengano i metodi classici. TRICOTTIN A MAGLIA: servono due ferri a doppia punta (in qualche eredità di nonna o prozia li avete di sicuro altrimenti li potete comprare ma ricordatevi che vengono venduti a gruppi di quattro). Iniziate avviando 3 o 5  o comunque un numero dispari di punti (a seconda delle dimensioni del filato: più è sottile più punti e viceversa) e lavorateli a maglia a diritto. Quando avete finito,  *fate scorrere i punti all'altra estremità del ferro fino alla sua punta. A questo punto potete ricominciare a lavorarli, sempre a maglia a diritto: vedrete che di fatto unirete l'ultimo punto del giro precedente con il primo di questo giro (cercate di non lasciare il filo troppo morbido mentre lavorate questi due punti, altrimenti rimarrà un buco evidente nel tubolare)*. Finito questo secondo giro ripetete da * a * fino a che il vostro tubolare sarà della lunghezza desiderata, intrecciate normalmente i punti, tagliate e sfilate il filo e …oplà il vostro tricottino è pronto 🙂 per darlgi un aspetto regolare ed uniforme tiratelo un po' impugnando i suoi due estremi. TRICOTTIN  A UNCINETTO: avviate n. 3 catenelle; girate il lavoro, entrate nella seconda catenella che vi si presenta e agganciando il filo portatelo sull'uncinetto  (come per fare un punto basso); ripetete la stessa cosa nella catenella seguente ed il risultato sarà che avrete n.3 asole sull'uncinetto. A questo punto *sfilate dall'uncinetto le prime due asole da sinistra (cioè le ultime due che avete lavorato); agganciate il filo chiudete l'asola rimasta sull'uncinetto come se doveste chiudere punto basso; entrate nella seconda asola, agganciate il filo e chiudete anche la seconda asola; idem per la terza*; il risultato è che avete lavorato tutti e tre i punti e contemporaneamente avere ancora tre asole sull'uncinetto. A questo punto si ripete la procedura da * a * fino alla lunghezza desiderata per il vostro tricottino; per terminarlo  chiudiamo in una volta sola tutti e tre i punti, lavoriamo una catenella, tagliamo il filo. NOTA BENE: a differenza della lavorazione a maglia che realizza un vero e proprio tubicino, quella ad uncinetto crea una striscia che si arrotola su di se; questo effetto inizia a vedersi dal quarto o quinto giro e per dargli un aspetto regolare ed uniforme tiratelo un po' impugnando i suoi due estremi. a circa 10 cm dall'uncinetto, lo sfiliamo dall'asola tirandolo bene. COLLANA BEIGE: realizzare un tubolare lungo 4 volte la lunghezza della vostra collana quindi lavoratelo a punto catenella (come se fosse un filato) con un uncinetto del n.13 o con le dita; fermate le due estremità della treccia cucendo la coda del tubolare in modo  da realizzare un'asola a ciascuna estremità; nascondete le cuciture avvolgendovi intorno più volte il filato con cui avete realizzato il tubolare e fermandolo con un nodo che lascerete nella parte inferiore della collana così che non si veda una volta indossata; agganciate alle asole un nastro o una catenella con cui chiuderete la collana sul dietro. Ed ora … l'unico limite è la vostra fantasia e creatività 😉